Pagine

giovedì 30 gennaio 2014

Dr House senza tante storie...

Primo incontro con la famosa sanità americana.

Per chi si è perso le puntate precedenti velocemente riassumo: la nostra protagonista ( cioè io) dopo un viaggio avventuroso con il suo fedele compagno ( cioè lo Scettico) e il vecchio cane, approda nel Nuovo Continente e si confronta con una terra selvaggia e popolata di numerose specie animali ormai quasi estinte nella vecchia Europa. Dopo aver affrontato, con coraggio fuori dal comune, la neve e il freddo estremo, si accinge a preparare l'ennesima spedizione verso il centro commerciale quando, subdolamente tradita dalla moquette delle scale, precipita ineluttabilmente, senza un grido ( i lettori attenti sanno che questa è una finzione letteraria ma sono pregati di non divulgare la notizia).

Insomma sono caduta miseramente dalle scale sbattendo ripetutamente l'osso sacro e la schiena.

Oggi, a distanza di una decina di giorni, ho finalmente deciso di farmi visitare.

Scelta mirata per cercare comunque l'equivalente di un medico di base da poter contattare per altri, speriamo pochissimi, eventuali problemi futuri.
Siamo arrivati in un centro medico all'interno di un ospedale e dopo aver compilato e firmato il solito plico di carte, ('chè qui si firma tantissimo e per tutto) ci hanno assegnato una dottoressa. Una ragazza giovane di origini mediorientali, sorridente e pronta ad ascoltare. Dopo pochi minuti cercava perfino di usare la parola "dolore" in italiano per capirci meglio. Mi è piaciuta.
Mi ha chiesto se volevo fare una radiografia ma che non sarebbe cambiato niente nella terapia e nel seguito della storia. Probabilmente la mia tailbone (coda) è rotta ma me la tengo così, antinfiammatorio e via andare.
Ci vediamo tra un mese.
Quello che avrebbe fatto un caro e saggio medico condotto.
Altro che Dr House...



16 commenti:

  1. Il Nuovo Mondo così è simile al Vecchio.... attenta alle moquettes la prossima volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento molto simile, cara Margherita...;)
      Adesso scendo le scale come una novantenne!!

      Elimina
  2. Accidenti Migola! La caduta spero non ti abbia rovinato completamente la permanenza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rovinato no, rallentato parecchio! :)

      Elimina
  3. Se ti fa ancora male probabilmente è proprio rotta e non ci si può fare niente. A me è successo tre volte, tre stupide cadute tutte in casa volendo fare troppe cose insieme. La terza volta non sono andata nemmeno dal medico.
    Dopo 20 giorni o poco più il dolore si attenua abbastanza. Fin dalla prima volta ho trovato, presso un negozio di materiale ortopedico, un cuscino a forma di ciambella tagliata in un punto, una specie di ferro di cavallo con i lembi accostati, di gomma e gonfiabile più o meno secondo comodità: è stato utilissimo per riuscire a stare seduta, anche in automobile, e l'ho usato anche dopo i primi trenta giorni, finché non ho sentito più alcun fastidio a sedermi.
    E' un inconveniente molto fastidioso e, per la mia esperienza, piuttosto doloroso. Ti faccio i miei migliori auguri di rapida guarigione.
    Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila...comunque hai vinto tu...io sono solo alla seconda volta, la prima è stata una decina di anni fa!
      Parecchio doloroso...:(

      Elimina
  4. ancora auguri Migola ! e buon week-end!

    RispondiElimina
  5. accidenti mi dispiace... quindi questa è la famosa sanità americana, non ci sono stte le famose riunioni in corridoi come nei film... scherzo mi raccomando riprenditi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO, niente...tutto molto ma molto normale...che fregata i film! Grazie Ernest!

      Elimina
  6. Tanti auguri cara Mìgola, spero che ti riprenda in fretta e che ti possa goderti la tua vito
    anche l'ontano dall'Italia. Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Mi piacciono tanto i tuoi racconti americani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pyp...e sei solo alle prime puntate, vedrai quando mi scaldo! ;)

      Elimina
  8. Riesci a rendere divertente anche una caduta e la rottura dell'osso sacro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mom...meglio prenderla così...un caro saluto!

      Elimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.