Pagine

mercoledì 25 marzo 2015

Zibaldone

Il siparietto con le suorine e il cardinale non  mi è piaciuto. Il tono e le parole del monsignore non solo non erano divertenti ma erano una summa di banalità maschiliste. Detto.

Angelina credo stia esagerando ma ognuno può agire come vuole con il suo corpo. Certo che qui negli USA non è  da tutti potersi curare a questi livelli. La prevenzione è incoraggiata ma il costo degli esami è folle e non tutti hanno assicurazioni che coprono questi costi in modo decente. La sanità americana è complicata e mi lascia perplessa, molto perplessa.
Se si pronuncia la parola Obamacare, nella mia classe di inglese, alla prof viene un attacco di bile e si trasforma nel terribile Hulk. Quando avrò un livello di inglese migliore vi spiegherò perché. Da ricordare.


Sempre nella mia classe di inglese, alla domanda cosa vi manca di più del vostro paese, le brasiliane in coro hanno gridato: Mutande. Sappiatelo.

L'articolo di maggior consumo, in questo periodo sul suolo americano,  sono i vestiti da sera. Le feste di fine anno sono alle porte. Ma la mattina vanno ancora a scuola in pigiama e Ugg.
Io però mi ci sono infilata in un camerino pieno di vestiti, paillettes, ragazzine e ciccia. Io ho collaborato con la ciccia e l'entusiasmo. Ho detto una serie infinita di: nice, amazing, gorgeous. Mi sono divertita tantissimo e lo Scettico ha preso la forma della poltroncina come un barbapapà. Fatto.

Qui i dentisti non devitalizzano i denti e non li tolgono. C'è lo specialista della devitalizzazione e quello dell'estrazione. Però parlano tutti tantissimo mentre lavorano e ho scoperto: 1) che la costiera amalfinana è il posto più bello del mondo; 2) che negli anni settanta le voci in falsetto piacevano molto qui oltreoceano e la assistente di sedia non sapeva rispondere a colpo sicuro se chi stava cantando era maschio o femmina. Qui si fa cultura.

Vi ho già detto che gli americani urlano nei ristoranti? Soprattutto le donne? Se poi è sera e il ristorante è carino il tono aumenta e ridono fortissimo e cantano. Vi ho già detto che gli americani tengono una mano sotto il tavolo mentre mangiano? Gira una strana scusa che racconta del  vecchio West, di pistole e pranzi in relax con i commensali. Io diffido ancora. Lamentela.

Oggi piove, ho un leggero mal di testa, leggo brutte notizie e mi deprimo.
 Avrei un montón di cose da fare e invece scrivo frivolezze qui sul blog.

Aprile si avvicina e il mio zibaldone di giorni tristi e felici mi sta per travolgere.















16 commenti:

  1. Ma in che senso gli mancano le mutande??? Non gli piacciono le mutande americane? Coprono troppo??? A me degli USA manca tanto tanto il coffee creamer alla nocciola, se lo avessi potrei vivere solo di caffè, ma dubito che il coffee creamer sia vegano, io neppure lo ero. Ora vivo senza e ne sento la mancanzisssimaaaaaa!

    RispondiElimina
  2. Cecilia@ pare che le mutande in Brasile siano di un taglio specialissimo e unico che probabilmente è studiato appositamente per i fondoschiena locali! Qui, negli USA, ci sono ben altri fondoschiena e le mutande si devono adattare...forse con il tessuto con cui qui ne fanno un paio, là a Copacabana, ci coprono tutta la spiaggia! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e parliamo dei reggiseni, con cui ci si puo` fare un ombrellone di una spiaggia italiana ( perche` qui anche gli ombrelloni sono piu` grandi, concordi vero?)
      mi fai morire con il dentista: vero! parlano a manetta di tutto..secondo me lo fanno cosi` non ti devono anestetizzare...

      Elimina
    2. Claudia@ Dici che è una tecnica? Una specie di ipnosi? Potrebbe essere!! ;)

      Elimina
    3. secondo me si`! non si spiegherebbe la gettata continua di parole. Ma secondo te: come fanno? al mattino fanno una riunione e mettono giu` la lista degli argomenti della giornata? lo chiedero` al mio amico-allievo dentista...non ci avevo mai pensato prima, avendo sempre frequentato un solo dentista qui,ma adesso che ne hai parlato devo scoprirlo...

      Elimina
  3. Mi è sempre piaciuto vedere nei film come le ragazze si preparano alla festa di fine anno.
    Per quanto riguarda Angelina penso che sapere di avere molte probabilità di avere il tumore la faccia agire con estrema paura, ma non me la sento di condannarla. Quel giorno che mi dissero che avevo un carcinoma maligno alla tiroide, (era operabilissimo e non sarei di certo morta), ricordo che l'unica cosa che pensavo e volevo è che me lo togliessero via subito, mi sarei operata immediatamente se me l'avessero proposto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre Mamma@ Sono impazzite. Code di ore per entrare nei camerini con montagne di abiti da provare, pagine fb dove di mettono le foto del vestito scelto per evitare che le amiche si comperino lo stesso...giacca bianca per i maschietti...
      No, no nessuna condanna per Angelina...solo qualche perplessità !

      Elimina
  4. Davvero urlano ? Più di noi ????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma@ Di più ...di più !! I locali sono generalmente molto rumorosi e la gente non si pone nessun problema di disturbare il tavolo vicino. All'inizio li trovavo "pittoreschi" adesso incomincio a sviluppare un fastidio quando entro in un ristorante e sento i gridolini.

      Elimina
    2. E non urlano mica solo nei locali: di solito fanno conversazione ad alta voce sotto alle mie bow windows!! Specialmente al venerdì sera... :-/

      Elimina
  5. anch'io considero Angiolina troppo "prudente", ma la scelta è personale, avendo perso mia mamma (42enne) a 19 anni so che trauma può aver passato a perdere le figure femminili della sua famiglia nel momento in cui una figlia-nipote adolescente-giovane donna ne ha bisogno....

    è la primavera Mìgola che scompiglia i pensieri e ci rende rincitrulluliti... : D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente Renata, il passato deve veramente averle lasciato un segno profondo ma mi sembra tutto un po' eccessivo...una cosa è certa: se tutto questo serve a mettere i riflettori sulla prevenzione ben venga! Un caro abbraccio.

      Elimina
  6. Mi soffermo sulle frivolezze: ho gironzolato in un enorme negozio di vestiti da sera a Los Angeles e ho dato il meglio di me stessa (anche perchè laggiù la taglia la trovavo facilmente) nel provare pailletes e lustrini, mi sono divertita da matti! Qui non esiste nulla del genere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margherita@ alcuni sono incredibili! Ma per una come me il cui gusto vestimentario si è fermato all'età di dieci anni, qui c'è di che divertirsi! ;)
      Bentornata.

      Elimina
  7. cmq il siparietto delle suore è stato davvero assurdo... non ci sono nemmeno più le suore di clausura di una volta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ernest@ forse non ci sono più nemmeno i monsignori di una volta! ;)

      Elimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.