Pagine

venerdì 18 ottobre 2013

"Houston, we have a problem"



Mattoncino su mattoncino il ponte verso gli USA si costruisce.
Insomma pare proprio che io debba partire.
Certo che tutto è più concreto per lo Scettico che ormai, da pendolare transoceanico qual è, ha una visione del mondo che assomiglia, vagamente, a quella che ha Luca Parmitano dal suo oblò.
Tutto è vicino, tutto è facile, tutto è fattibile.
Io, che  ancora respiro la tersa e rassicurante aria alsaziana, sono in piena fase di negazione.
Tra qualche settimana andrò a cercare una casa in una zona e in un quartiere che farò fatica a pronunciare per un po' e sicuramente questo equivale ad un atterraggio stile Baumgartner nella mia nuova destinazione.

Si apre lo sportellone, io mi affaccio e guardo terrorizzata lo spazio infinito e buio, i dati di bordo rassicurano su tutti gli aspetti tecnici ma l'ansia mi serra la gola e l'unica voglia è quella di rientrare al caldo e al sicuro nella mia capsula.
 Poi dalla base ti chiamano e ti chiedono: tutto bene?
Ma certo, base, tutto ok. Prendevo un po' d'aria, adesso mi butto.

So che mi butterò, so che sarà un atterraggio senza grossi problemi, forse qualche rotolone ma niente di grave, so che farò ciao ciao con la manina quando riprenderò fiato, lo so...
Ma per il momento ho aperto lo sportellone e vedo tutto lontano, troppo lontano.





14 commenti:

  1. Atterra tranquilla! Dispensa sorrisi e strette di mano, dì sempre ok a tutto e tutti, cerca di non perderti tra gli scaffali di un supermercato e vedrai che tutto andrà per il meglio :-)
    Baci Mariatn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul perdermi nei supermercati non prometto niente...oddio mi viene già l'ansia... ;)

      Elimina
  2. Un cambio super-radicale!! Chissà quanti ti invidiano, un'esperienza di vita negli States dispiacerebbe a pochi... Io ne sarei incuriosita, a meno di finire in uno sperduto 'buco' in mezzo al nulla..
    E anch'io penso che ce la farai!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo la mia prima visita, che sarà in Novembre, ti dirò se è un buco sperduto...grazie per la fiducia! bacio

      Elimina
  3. In questo momento mollerei tutto, ma so che è un momento. Sei molto coraggiosa, io che sbraito tanto, alla fin fine ho radici talmente profonde che non so come si potrebbero strappare. In bocca al lupo. Un abbraccio per rincuorarti o, se preferisci, una pedata nel lato B per aiutarti ad uscire dalla capsula. Scegli tu. Ciao :)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma piano però...la pedata dico...;) Un abbraccio

      Elimina
  4. Ti ammiro.....tanto. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika...sei sempre carina che vorrei tanto abbracciarti! SMACK!

      Elimina
  5. Tutto si sistemerà per il meglio, con la tua esperienza, andare oltre oceano di sicuro saprai superare l'ansia e ti saprai gestire alla grande... ma il Pelosone ??? come sta??? lo portate con voi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che Pelosone viene con noi! Sarà un viaggio lungo e difficile ma poi sarà con noi e diventerà un vero cagnone ammmericano! Stiamo lavorando intensamente per tornare in forma per Gennaio!

      Elimina
  6. mi sembra che un po' di ansia prima di un cambiamento sia normale, giusta, da accettare. sono sicura che tutto proseguirà benissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Ktml...speriamo...un caro saluto!

      Elimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.