Pagine

giovedì 20 giugno 2013

Al posto del tempo

Gironzolando in rete troverete centinaia di blogs dedicati al fai-da -te, al bricolage, decoupage, ricamo, creazioni varie...
C'è di tutto per chi ama il genere, per chi ha tempo, per chi ha le mani d'oro, per chi ha fatto dei corsi, per chi ha mobili vecchi in cantina...
Io non ho seguito un vero corso ma ho avuto il piacere di incontrare Cathy che mi ha accolto (raccolto) nel suo angolo sotto le scale in una fredda giornata di febbraio e con pazienza infinita, qualche caffè, e sorrisi senza moderazione mi ha raccontato il mondo della patine.
In poche parole la tecnica consiste nel sostituirsi al tempo, ambizione non da poco, ricreando su mobili e oggetti la sensazione di antico o semplicemente di vecchio se siete poco poetici.
Ho aspettato un po' a mettermi all'opera dopo la lezione di Cathy, è vero, ma complici i bei giorni mi sono finalmente lanciata.
 In uno sperdutissimo villaggio alsaziano ho incrociato un signore che svuotava la sua casa invadendo con mobili e oggetti tutto il marciapiede.
L'ho visto e ho subito pensato che poteva essere un bel banco di prova, anzi un carrello di prova:

 
Ho svaligiato l'armadio bricolage dello Scettico e in un pomeriggio ho lavato e sverniciato il carrellino da servizio. Il giorno dopo, ecco il primo passaggio e a sera aveva questa faccia:
 
 
Dodici orette di riposo e ritrasformazione:
 
 
Altro riposino indispensabile e incomincia il vero lavoro. Ecco quello che dovrebbe fare il tempo in tot anni insomma!
 
 
Manca ancora un passaggio, la posa della cera che è praticamente il tocco magico e che darà una personalità al mobile. E qui sorgono i dubbi: patina da vecchio mobile del tipo ti ho appena tolto dalla soffitta o aspetto più da alternativo con cera chiara?
 
 

10 commenti:

  1. Ne avevo uno identico per la televisione ! :)
    Lo preferivo bianco totale! non amo l'anticatura ...comunque bel lavoro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Renata! Vediamo come viene con la cera...

      Elimina
  2. Ma che brava che sei stata !! Il mio gusto mi porterebbe a scegliere la patina del vecchio mobile appena tolto dalla soffitta !!!! Ti abbraccio cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto? Mi lancio anch'io con la creatività! Un abbraccione!

      Elimina
  3. Mi sembra un ottimo lavoro! Mi piace quel tavolino ora ha il suo perchè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anch'io che adesso ha un suo carattere... Ottimo non penso, lavoro da debuttante ma piena di buona volontà! Ciaoooo

      Elimina
  4. Voto anche io per la patina vecchio mobile (tanto si miscela benissimo eventualmente anche in un ambiente con arredi moderni).
    Comunque benvenuta ... la curiosità di sapere cosa si riesce a combinare con le proprie mani è una grande sfida.
    E fortunata te che hai incrociato il signore; io e qualche mia amica dobbiamo a volte fare le figure delle accattone recuperando gli oggetti lasciati vicino ai cassonetti dell'immondizia sfidando la velocità degli zingari. Ho in cantina una piccola damigiana che mi sono trascinata a mezzanotte con la complicità di un'amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io facevo il giro dell'immondizia a Barcellona con un'amica che faceva un atelier creativo, non hai idea delle cose carine che si trovavano, un giorno ho recuperato un carboncino su carta degli anni trenta...una donna in costume tradizionale splendido! Buon fine settimana!

      Elimina
  5. Ma très chère Sabri, quel beau post que le tien et quel travail ! Comme quoi les ballades nous mènent toujours, ou en tous les cas très souvent, à découvrir des gens ou des choses que l'on ne suspectait pas. Comme tu m'as demandé mon avis sur ton travail, je dirais que l'équilibre entre couleur et blanc n'est pas tellement respecté. Je veux dire que l'usure est trop présente et en plus elle est linéaire. Elle devrait être plus subtil. Une patine naturelle n'est jamais que linéaire. Elle est toujours dans le mouvement. Mais pour un premier travail en solo, le résultat est encourageant. Et puis c'est en faisant, que l'on apprend à rectifier et à équilibrer. Alors, tout ce que je peux te dire c'est continue à faire, à créer, à t'essayer sur plein de meubles et d'objets différents. En tous les cas bravo de te lancer et bienvenue dans le club des sauveurs d'objets oubliés et négligés ! Mais attention, ma belle, c'est une activité terriblement addictive.
    T'embrasse très très fort et te dis à très vite.
    P.S. J'ai mis le lien de ton blog dans ma liste de favoris.

    RispondiElimina
  6. Che bello trovare il tuo commento! Hai assolutamente ragione sull'usura lineare...pensa che già mentre la facevo avevo la sensazione di far qualcosa di sbagliato! cercherò di migliorare l'effetto. Non ho ancora dato la cera quindi, penso di essere ancora in tempo...no?
    Spero di vederti prestissimo! Un abbraccio forte! Ciao, maestra! ;)

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.