Pagine

giovedì 31 maggio 2012

Orologio biologico...fermo

Ultimamente sogno bambini. Bambini piccoli, neonati.
La scorsa notte il Tecnico era diventato papà di 100 bimbi, tutto in un botto, con un solo parto.
Sistemavamo i piccoli su un grande letto con una buffa catena di passaggi dalla sala parto. Alla fine della catena c'era il Tecnico che, con un grosso pennarello indelebile, pensava e scriveva di getto il nome sul petto del figlio.
Il primo lo ha chiamato Abramo. Mi ricordo di un Antonio, Angelo, Ascanio...
Non ero per niente preoccupata del numero enorme di nipoti, anzi, godevo del contatto con i loro corpicini caldi e morbidi che stringevo con tenerezza, un attimo, prima di passarli al padre, preso dalla classificazione. Antonio aveva degli stupendi occhi azzurri.

Probabilmente sento che il nido si svuota e avrei una gran voglia di riempirlo ancora 'sto nido.
Avrei voglia di avere  una manina appiccicosa di merenda da stringere per andare al parco, vorrei rispondere a tante domande serie  e buffe, interpretare disegni astratti che raccontano storie complicatissime, sdraiarmi per terra e giocare dentro grotte morbide di coperte e sedie, giocare con le carte Pokemon e fare orrendi robot di lego.

I bambini ci aiutano a vedere il mondo colorato che ci circonda, quando loro non ci sono è un mondo in bianco e nero.
Voglio provare a scrivere una fiaba.
Mi porto avanti.

Invecchio paurosamente.




12 commenti:

  1. Aspetta ancora qualche anno, prima di desiderare nipotini :-)

    Mariatn

    RispondiElimina
  2. non ho ancora questo desiderio, mi sto godendo la loro adolescenza: appena vedo un nanetto sotto l'anno, divento una riccia spinosa e incazzosa... Non ho nostalgia, non ancora per lo meno...arriverà lo so.
    e ricordo esattamente il mio orologio biologico bastardissimo : bastava che i pupattoli avessero 8-10 mesi e io ne desideravo ardentemente uno ancora più piccolo. Ho ceduto 4 volte a questo desiderio, e poi per la mia e soprattutto per l'altrui salute ho pregato Nostro Signore di mandare i cuccioli a altri genitori ben più propensi alla pazienza di me
    Ha funzionato!
    ma mi godo appiano, con annessi e connessi, la loro bastardissima adolescenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene! Ma quando partiranno arriverà anche per te la voglia di cuccioli! Baci

      Elimina
  3. A parte i bambini piccoli, neonati, i sogni, veri o inventati sono prerogativa quasi soltanto femminile che noi uomini spesso vi invidiamo. Vedo invece in te, ma senza meraviglia, la stoffa del romanziere. Insisti Mìgola! Ciao, ciao.

    RispondiElimina
  4. Grazie Guido...insisto! Ciaoooooooooooo :-)

    RispondiElimina
  5. C'è stato un periodo in cui non riuscivo più nemmeno a toccarli i neonati, provavo repulsione, un sentimento che non riuscivo a dominare. Ora mi mancano disperatamente, vorrei fare la nonna a tempo pieno, vorrei godermi qualche nipote(anche uno solo per carità) tra le braccia, viziarlo, assecondarlo, giocarci, raccontare storie ma non accade e non accadrà per un bel po'. Peccato che non so inventarmi storie da scrivere e raccontare è un'ottima idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriveranno i nipoti e arriveranno le storie...un bacio

      Elimina
  6. Claudia galbiati31 maggio 2012 17:31

    Bellissima la descrizione delle cose da fare con i bimbetti!!!!:-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai altri suggerimenti mi fido di una professionista! ;-)
      Benvenuta! un abbraccio

      Elimina
  7. Ecco dov'eri finita!

    Era un po' che non ci si incrociava, dopo la prematura scomparsa di Splinder.
    Io non ti trovo invecchiata =)

    RispondiElimina
  8. Eccomi!! Grazie...ma...come si dice: i figli crescono e le mamme...

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.