Pagine

lunedì 30 gennaio 2017

Mi mancava l'evidenziatore

Mi accorgo con tristezza che sono mesi che non scrivo.
Ma se non me ne sono accorta prima vuol dire che non mi mancava?
 No, non funziona così.
 Funziona esattamente al contrario: meno scrivi più  senti un blocco, più senti il blocco e più credi di non aver niente da dire e quando pensi di non aver niente da dire ti senti vuota e arida e se sei vuota e arida eviti perfino di aprirlo, il blog.
 Ma ti manca.
Avete presente quella bruttissima sensazione che si prova quando sai di aver mancato nei confronti di qualcuno?  Lo sai perfettamente, la tua vocina interna quotidianamente di dice: ne vogliamo parlare? Ti pare bello? Tu fai finta di niente e cerchi perfino delle scusanti.
Ogni volta che aprivo il blog il magone mi assaliva.
Domani scrivo. La settimana prossima scrivo.
Scrivo.
Ed eccomi.
Scrivo.
Evito di farvi il riassunto delle puntate mancanti e riparto come se niente fosse. In ogni caso non aspettatevi eventi traumatici, stravolgimenti o calamità.
Qui la vita è andata avanti senza grossi sconquassi.
Siamo in tre adesso visto che Cucciolo ci ha raggiunti nella nostra vita americana. Si è velocemente trasformato da elegante studente svizzero in sbragato e rilassato studente americano senza apparenti traumi. Io, leggermente invidiosa del suo status, cerco di trasformarmi in studentessa americana ma mi viene molto bene solo la parte passeggio nei lunghissimi corridoi con caffè gigante in mano. Vi racconterò.
Abbiamo un nuovo compagno peloso che riempie i nostri giorni ma soprattutto le nostre notti e che si chiama Django ( pronuncia all'americana Djengo, con la e leggermente strascicata) un "delicato" cucciolo di Bovaro che letteralmente lievita sotto i nostri occhi.
La vita scorre ed io la inseguo con i soliti dubbi e gli stessi entusiasmi.
Raccontarla a voi e a me stessa però la rende forse più leggera.
Il blog come un grosso evidenziatore giallo che sottolinea le parole chiave, i concetti importanti e ti aiuta a non dimenticare.
Ecco perché ho deciso di tornare.
Mi mancava l'evidenziatore.

13 commenti:

  1. Bentornata! Ognuno ha i propri silenzi, le proprie assenze ed anche la voglia di tornare. Meno male.
    Mi piacerebbe sapere del vostro piccolo grande bovaro.... è uno dei miei sogni nel cassetto. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Margherita! Il nostro bovaro ha adesso due mesi e mezzo ma è già un gigante di 14 chili. Per noi è una continua scoperta perché abbiamo sempre avuto pastori tedeschi e adesso ci troviamo a confrontarci con comportamenti nuovi e nuove problematiche. È vivace e curioso. Credo che si deva fare molta attenzione all'educazione quando è piccolo perché poi nn credo sia facile convincere un gigante di 60 chili a fare qualcosa che non vuole! ;) Lo trovo un po' più testardo dei pastori tedeschi ma vedremo nei prossimi mesi...

      Elimina
    2. Sarà difficile che riesca ad averne uno.... ma sognare non è proibito. Una carezza a Dijango

      Elimina
  2. E così e' arrivato. Sai quando si soffre si scrive poco e tu hai sofferto per Noris perché non era solo Noris
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente la mancanza di Noris ha avuto un grande peso su questo silenzio...ti abbraccio fortissimo!

      Elimina
  3. E a me mancava leggere le tue storie, sempre così sincere.
    Bentornata, sì!! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lilas...sono contenta di ritrovarvi!

      Elimina
  4. sto ritornando al blog pure io...mi mancava questo spazio dove scrivere pensieri e sciocchezze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò volentieri a trovarti Patrizia...il blog manca...lo so.

      Elimina
  5. ciao,sono entrata per caso nel tuo blog.. e ho letto il tuo post dedicato alla mia migliore amica.... Marilena.
    l hai descritta esattamente per quello che è (e dico.. che è)perchè lei fa parte di quelle persone che non se ne vanno mai.. e sicuramente è contenta che tu sia tornata....

    RispondiElimina
  6. Ben tornata!!! i nostri blog sono spazi importanti ma sono fogli sparsi che possiamo prendere e mettere via quando vogliamo, è importante sapere che ci sono lì pronti ad aspettarci
    a presto

    RispondiElimina
  7. Conosco benissimo quel senso di colpa che coglie quando ci si rende conto di quanto perdurino le assenze dalla blogsfera. Mi capita spesso di assentarmi e non per mia volontà. Ma poi torno, piena di buone intenzioni. Fino alla volta successiva.
    Bentornata a te.

    RispondiElimina
  8. Sono contenta di rileggerti di nuovo! Il blog come evidenziatore è un paragone che mi piace, tantissimo!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.