Pagine

mercoledì 14 settembre 2016

Macchie

Ho pensieri complicati in questi giorni.
 Ghirigori di emozioni che si sviluppano e si attorcigliano anche solo  guardando  vecchie macchie di sporco dimenticate sul pavimento.
Basterebbe un colpo di straccio? La fate semplice voi.
Sono complicata in questo momento, come non lo sono mai stata. Io che mi vantavo di essere una semplice.
Un po' come mi è successo con la vista. Ti vanti di vederci benissimo, fai la furba con lo Scettico che non legge i numeri della sveglia e bang, incominci a non vederci niente e ti devi far leggere gli ingredienti e il prezzo dei prodotti da Kroger, dalle vecchiette previdenti con gli occhialetti fashion. Pensi di essere una semplice e di veleggiare alla grande attraverso le tempestine quotidiane e bang, sballottata e senza punti di riferimento.
Ho pensieri che litigano in questi giorni. A volte li lascio fare e altre cerco di metterci una fine ma loro, i subdoli,  fanno finta di fare pace e poi giri l'occhio e si menano sul pavimento, vicino alla macchia di prima.
I pensieri complicati lavorano dentro, silenziosi.
 Piccole talpe che scavano nella pancia. Quando escono lasciano il segno. Le aspetto.
Passo vicino alla macchia ma non sono ancora pronta a passare il mocio.
Mi sono messa in castigo da sola.


10 commenti:

  1. Come ti capisco. Rimuginamento. Così lo chiama la mia.... ehm.... consulente dei pensieri complicati. Lasciarli fare. Bloccarli. Pare che niente di tutto ciò sia corretto. Ci sono tecniche per insegnare alla mente a aggirarli. Io le sto imparando. Direi che sono appena sopra la sufficienza. Ma sti pensieri complicati... sti occhi che ti sberleffano,le ginocchia che cedono, i figli che oddio ma son grandi e chilivedepiù?, e perché ho fatto questo o quello anziché quello o questo... le tecniche ci sono. Basta usarle. Saperle usare... ti abbraccio cara.

    RispondiElimina
  2. è da dicembre che ruzzolo... che faccio progetti, che ritardo, che ingombro, che cerco di fare decluttering ed appena fatto spazio qualcuno ci piazza di nuovo qualcosa che ingombra... così va la vita, ad majoram Migola.. o meglio come diceva il vecchio Edoardo : ha da passà 'a nuttata!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Questa e la vita cara....almeno batte ancora el cuore.

    RispondiElimina
  4. Forse è la stagione... i pensieri litigano anche qui, far finta di niente sarebbe una pacchia ma è impossibile buttarsi tutto dietro alle spalle. Nessuna ricetta magica solo forse ha ragione Renata Ha da passà a nuttata!

    RispondiElimina
  5. Cara Sabrina, la vita ci ha portato in una strada, e purtroppo la dobbiamo seguire, il destino sembra segnato, e spesso ,i progetti non arrivano mai al fine.
    Ciao e buona serata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:9
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Mi sa che come dice Margherita è la stagione ... io ho trovato dei podcast di meditazione guidata e mi stanno aiutando a spegnere un po' il cervello quando le talpe si mettono a scavare ...

    RispondiElimina
  7. Si, io ho come un freno. Qualcosa che mi frena e mi impedisce di far filare liscio tutto... e troppi, davvero troppi pensieri che giocano a fare i contorsionisti dentro di me!
    Mi piacerebbe raggirarli, così, per continuare e ingranare la marcia per andare avanti.

    RispondiElimina
  8. Diciamo che questa estate, siccome sono stata in mezzo ad una serie di vai e vieni...( il più delle volte "altrui", visto che in sostanza io ho solo fatto 4 giorni di vacanza a Ibiza. e chiamala vacanza, non ho nemmeno "pucciato" un dito nel mare, stavolta....!!! Orrore! Dicevo, in mezzo a tutto questo ambaradàn, non ho nemmeno avuto il tempo di rimuginare nulla!

    Tutto sommato penso sia un bene!
    Forza, Migola, che sì...come dicono in molti, pian piano si supera!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Che sia colpa dell'autunno? Anch'io mi sento molto sfasata.

    RispondiElimina
  10. E io aspetto di leggerti, intanto.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.