Pagine

giovedì 10 aprile 2014

Good Friday

Questa notte mi chiamavi. Ti ricordi? Come il giorno che ho fatto l'appendicite, avevo dieci anni e non riuscivo a svegliarmi dall'anestesia. Cercavo di aprire gli occhi ma le palpebre erano troppo pesanti e tu mi chiamavi seduto vicino al letto. Più passavano i minuti più la tua voce era forte e decisa. Pensavo fossi arrabbiato con me, invece eri spaventato.
E questa notte mi chiamavi e la tua voce era così reale che ho aperto gli occhi, subito, pronta.
Eccomi, ti ho detto.
Sono giorni difficili, giorni del ricordo. Ogni minima cosa mi riporta a quei momenti. E tu vieni a chiamarmi, ogni anno.
Strano mese questo Aprile dove la casualità, il destino ha mescolato giorni felici e giorni tristissimi, tutto in una manciata di pochi numeri.
Qui il 18 sarà il Good Friday, il buon venerdì. Strano modo di chiamare il giorno della Passione.
La sola e importante cosa buona di venerdì 18 sarà che ci ritroveremo tutti insieme, noi quattro, da angoli diversi del mondo e parleremo di voi e sorrideremo con i soliti aneddoti e fioriremo questa giornata con tutto l'amore che abbiamo e sarà come portarvi rose rosa e rami di pino.
Tranquillo, papà, sono sveglia.

22 commenti:

  1. Cara Mìgola, questo forte richiamo, mi fa capire quanta nostalgia ce in te!!!
    Coraggio cara amica ovunque siano i tuoi cari ti chiameranno sempre!
    Tu sentirai e gli dirai! eccomi, con gli occhi chiusi li vedrai.
    Buon pomeriggio cara amica, con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello il tuo commento Tomaso...grazie! un bacio

      Elimina
  2. Renata Chiarani10 aprile 2014 15:13

    The people we love and are now gone or far away are always with us, keeping us safe, helping us as best they can through good times and bad. We can still hear their voices if we listen and see their faces in front of us.....

    RispondiElimina
  3. aedriana augusti10 aprile 2014 18:44

    E' bellissimo quando si sognano i cari che non ci sono più, la mattina ci si ritrova diversi, sorridenti dentro, con un calore e una dolcezza che la vita di tutti i giorni non ti permette sempre. sono contenta che adesso vi ritroverete tutti e quattro insieme.i tuoi figli saranno molto curiosi di vedere la nuova casa. Un abbraccio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato bellissimo ritrovarsi tutti e quattro...e questi giorni tristi di anniversari sono scivolati via nel ricordo allegro! Un abbraccio too....

      Elimina
  4. Non dico niente, non si può dire nulla se si sa quanto sono opprimenti quelle assenze, non ci sono parole. Ti abbraccio forte. Ciao. Marilena

    RispondiElimina
  5. davvero commovente e da brividi. Quando leggo o sento cose del genere partono i brividi e salgono lungo la schiena. Un post da leggere in un punta di piedi... un abbraccio grande

    RispondiElimina
  6. Non c'è nulla da commentare, il tuo post è commovente.

    RispondiElimina
  7. Dicono che sognare i propri morti sia un po' come richiamarli in vita.
    Se fosse vero, i miei sarebbero messi veramente male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però che magone quando ci si sveglia...Ciao Guido!!

      Elimina
  8. Carissima, è bello questo continuare a vivere con qualcuno anche dentro i propri sogni...

    e quel profumo di pino l'ho sentito anch'io,,, per un momento

    Grazie, è bello ogni tanto passare di qua e ritrovare i pensieri

    Diaolin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Diaolin...passa quando vuoi...le tue parole sono sempre sagge e attente! Un abbraccione!

      Elimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.