Pagine

lunedì 15 ottobre 2012

Non vi preoccupate...va tutto bene.

Sono  giorni di preparazione all'inverno anche se è appena iniziato l'autunno.
 È il momento di chiudere, pulire, ritirare, coprire, proteggere. Ci si ritira dentro e con noi le piante che non potrebbero sopportare le temperature invernali. (Qui ci starebbe bene una musichetta di sottofondo stile superquark)




Da una settimana il soggiorno sembra una serra ed io ne sono molto felice...le piante invece pare proprio di no. Sono incominciati quelli che io definisco "i capricci di fine estate".
Avete presente i bambini quando sono al mare e la giornata è finita? Ombrelloni chiusi, bagnini che rastrellano e ti guardano malissimo, gabbiani che si riprendono la spiaggia e tu sei sul bagnasciuga con l'asciugamano tra le mani e i pargoli si stanno inventando tutti i più bei giochi della giornata che: "ancoraunattimomammatiprego!"?
Le piante fanno la stessa cosa. Le porti in casa dopo un'estate di vacanza al sole, pioggia, vento, rumori di natura, le sistemi dove pensi sia la posizione migliore e loro si intristiscono...
Buttano giù la foglie facendo moltissimo rumore così  ti dovresti sentire in colpa, secondo loro. Bloccano ogni fiore, escrescenza, foglia per ripicca e chiedono acqua ogni cinque secondi.
Ah già che sei in piedi...mi daresti mica un goccio di concime?
Ma ti ho dato quello bio ieri?
Oddio, c'ho un senso di oppressione sulle radici...
OK! Ma poco eh?!
Già che sei in piedi mi spruzzi un attimo col vaporizzatore?
Ancora?!
Mi prudono tutte le foglie...
Arrivo!
Già che passi di qua...
Adesso basta!


6 commenti:

  1. io non credevo fosse così difficile mantenere un terrazzino con qualche pianta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le piante sono esigenti e in quanto mute anche criptiche! ;-)
      Ma anche divertenti a saperle capire...

      Elimina
  2. Le mie sono tristissime anche in balcone :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son solo capricci...non cedere! ;-)

      Elimina
  3. Stessa cosa per il ficus che ho ritirato dal balcone. Sembra sull'orlo di una crisi ma poi si riprende e dopo qualche giorno ecco le foglie che cadono ancora.... Credo che ci sia un pò di incomunicabilità a dirla tutta.... Dobbiamo capire le varie esigenze, ogni pianta è diversa anni luce dall'altra..... ;))

    RispondiElimina
  4. coraggio! vedrai che se con un po' di dialogo si tireranno su le foglioline!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.