Pagine

mercoledì 4 settembre 2013

La vita è un lungo fiume tranquillo...

Se pensi che la tua vita sia un tranquillo fiume che scorre, hai esattamente qualche secondo per pentirtene, perchè c'è già una divinità barbuta che ride.
 Una grassa e forte risata che risuona nelle sfere celesti, rimbomba in alta quota e ti costringe a guardare il limpido cielo alsaziano chiedendoti che strano temporale stia arrivando dai rilievi dei Vosges.
Perchè, se pensi che la tua vita è un fiume tranquillo, vuol dire che cucini senza sale e non conosci la velocità con cui cambia il sapore di un piatto con l'improvvisa spolverata di cloruro di sodio.

Perchè se pensi che la tua giornata sarà un piacevole rincorrersi di abituali riti quotidiani non ti sei accorta che, davanti al lavello, con te, non c'è il calore di quarantacinque chili di pelo che aspettano il biscotto mattutino e sorridi pensando alla vecchiaia canina che avanza e fai anche la perfida facendo scricchiolare la carta del pacchetto.

Perchè, anche se pensi che basterà il suono carezzevole della tua voce per farlo alzare, ti rendi, finalmente, conto che nemmeno le inesorabili certezze canine niente possono contro una subdola e improvvisa paralisi.

E resti a guardarlo mentre con gli occhi ti dice- tutto bene adesso arrivo-ma almeno trenta dei quarantacinque chili non hanno nessuna intenzione di farlo.

Oggi un chirurgo veterinario cercherà di rimettere in piedi Peloso, ci saranno almeno due mesi di convalescenza e se tutto andrà bene avremo sei possibilità su dieci di farcela.

Ieri sera ho deciso che vorrei che la mia vita fosse una tranquilla strada di campagna, da percorrere lentamente guardandolo almeno camminare e spero di non far ridere nessuno.








30 commenti:

  1. Coraggio Noris, il bretone ed io facciamo il tifo per te. Auguri di cuore. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carlo e grazie al bretone per la solidarietà, anche se, per il suo brutto carattere verso i suoi simili, non so quanto apprezzerebbe il Pelosone! Ieri, in clinica paralizzato in attesa di essere ricoverato è riuscito ad abbaiare in modo minaccioso ad un altro povero paziente...ma si può??!!

      Elimina
  2. Un abbraccio e tutta la mia comprensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Margherita...vi farò sapere!

      Elimina
  3. Forza e coraggio, un abbraccio a te e al pelosone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Diaolin...mi prendo l'abbraccio! Un caro saluto.

      Elimina
  4. Mi dispiace, avendo anche io il cane posso capire quanto faccia male.Speriamo che anche per lui vinca la voglia di farcela, io faccio il tifo e ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pyp! Facciamo tutti il tifo per Pelosone...sei carina! Un salutissimo!

      Elimina
  5. Sempre avanti cara Mìgola, cose che succedono, vedrai che ce la farà! Sono sicuro che anche lui lo vorrà...
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso...penso che la volontà non manchi agli animali, speriamo! Buona giornata anche a te, caro!

      Elimina
  6. Mìgola, auguri, non ho parole, quando la sorte colpisce i nostri pelosi, siamo sospesi e tristi ..abbiamo la riprova di quanto poco siamo, ma spero proprio che riuscirete nella rieducazione di Pelosone, tengo le dita incrociate ! ... un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà la parte difficile...Grazie Renata per le dita incrociate, le mie sono quasi intorpidite ormai! Un bacio

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Ci riprovo in dieci parole ho fatto tre errori di ortografia.
    Cara amica,non so se i cani hanno sette vite,io lo spero è allora in bocca al.......................
    Un abbraccio,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Fulvio! Speriamo veramente che siano almeno sette perchè una se l'è già giocata buttandosi da un balcone quando era cucciolo, un'altra buttandosi in un melmoso stagno sempre piccolissimo e questo scherzetto gli costa almeno due o tre vite! Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  9. Non so perchè!. forse lo so, mi sono venute le lacrime agli occhi.
    Un caloroso abbraccio e tanti cari AUGURI , che tutto si risolva positivamente.
    Forza NORIS, dai che c'è la fai.

    RispondiElimina
  10. Ho atteso per il commento perché volevo sapere com'è andata con Peloso.
    Ripasserò senz'altro.
    Dai Peloso!!!
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sera alle sette ho avuto solo un'assistente al telefono che mi ha confermato la fine dell'operazione ma avrò la chiaccherata con il chirurgo questa mattina...vi farò sapere! Grazie Aldo! Un abbraccio!

      Elimina
  11. Ho la gola strozzata con le mie ferite che si riaprono leggendoti. Un bacio al Pelosone. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse oggi riesco a vederlo e a dargli tutte le coccole che voi gli mandate...ma non è sicuro! Un bacio a te!

      Elimina
  12. ho appena letto, ti sono vicina....e lo sosterrò insieme a voi, da lontano. Un amico a 4 zampe è più di un amico, molto di più, e lo è per sempre
    <3

    RispondiElimina
  13. Infatti...spero di avere la capacità di capire quando e se sarà il momento di lasciarlo andare, proprio perchè è un amore grande!
    Bacio

    RispondiElimina
  14. Conosco questo amore grande, ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola!! Siamo in tanti a soccombere a questo amore! ;)

      Elimina
  15. Io spero e credo che nessuno si sia messo a ridere. Se guardi sul mio blog, troverai due post recenti in cui trapelano la mia disperazione e la mia felicità per la perdita e il successivo ritrovamento di Julius, il più caro dei miei tre gatti, come scrivevo sul mio blog, la creatura alla quale voglio più bene al mondo dopo mia moglie e immediatamente prima (credo, non ne sono sicuro) di Tom, il canetto di casa. Non ho figli, è vero, ed è vero che - probabilmente - prenderebbe lui la seconda posizione di questa personalissima scala, ma poco importa. Non è ovviamente importante la scala, era solo per dare un'idea.
    Pensare al mio Julius morire di stenti mi faceva stare malissimo, anche perché me ne sento, ovviamente e giustamente, responsabile.
    Un giorno loro ci lasceranno, sempreché non li precediamo (sappiamo benissimo che potrebbe anche succedere questo). Ma non deve succedere così. Devono ricevere quel che danno, il più a lungo possibile. In fondo un po' come dovrebbe succedere a noi.
    Dopo, allora, anche se ci dispiacerà comunque da morire, potranno, potremo, anche andarcene...

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo, Wolf, di saperli sempre rispettare in quanto animali e di capire, al di là del mio amore, quando la dignità di un cagnone dovrà essere rispettata e quando invece sarà solo egoismo per averlo comunque vicino! Non è facile e in più i veterinari a volte non sono onesti in questo senso e spingono all'accanimento!

      Elimina
  16. In bocca al lupo al tuo amico a quattro zampe.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono letti e meditati con entusiasmo dall'autrice del blog che si riserva il diritto di cancellare quelli poco educati o in lingue non comprensibili.